La festa per ricordare il “Sic” si trasforma in tragedia: muore il pilota Doriano Romboni

Era andato a rendere omaggio all’amico Marco Simoncelli, il campione di motociclismo morto il 23 ottobre 2011 durante il Gran Premio della Malesia. Ha trovato anche lui la morte, in pista, nello stesso modo dell’amico. Doriano Romboni è spirato a Latina vittima di un incidente durante le prove del “SicDay”, nel circuito Sagittario, dove correva per l’evento benefico in memoria di Simoncelli. Romboni ha perso il controllo del mezzo rimanendo travolto sulla pista da un altro concorrente, è stato subito soccorso e rianimato sul posto prima di essere trasportato in eliambulanza all’ospedale ma le sue condizioni sono apparse subito gravissime e il pilota è deceduto poco prima delle 17. Nel corso della seconda sessione di prove libere il pilota ha perso il controllo della moto durante un cambio di direzione in un punto in cui i due tratti inversi della pista corrono paralleli e mentre era ancora aggrappato alla moto, il pilota è stato accidentalmente investito da Gianluca Vizziello.

Romboni, 45 anni, dopo anni trascorsi a gareggiare nelle varie classi, nel 1996 era approdato alla “500” con l’Aprilia, dopo aver ottenuto, nel ’90, la sua prima vittoria  nel Gp di Germania. Aveva partecipato negli anni i90 ad oltre 100 Gran Premi nelle categorie 125, 250 e 500, vincendone 11. Dal ’99 era passato alle Siperbike disputando in totale 12 gare. Nel 2003, dopo uno stop di 3 anni, era tornato alle corse con il team Giesse Racing che lo aveva schierato nel campionato italiano Superbike. Nel 2004 si era ritirato dall’attività agonistica. Dal 2012 ricopriva la carica di direttore sportivo del team Puccetti Racing Kawasaki.