“La crescita felice. Idee e proposte”: confronto nell’Ugl su come agganciare lo sviluppo

Guardare l’Italia al futuro e pensare a come vorremmo questo Paese tra dieci o venti anni non è un compito facile, ma la prima cosa da fare, in un momento in cui è in crisi l’economia e persino la società e i suoi valori fondanti, è quella di restituire profondità – cioè speranza – ai nostri obiettivi e  al nostro impegno. Neppure il sindacato, infatti, può vivere senza obiettivi alti e altri dal quotidiano. La nostra attività prevalente è quella di difendere i lavoratori nelle aziende: cerchiamo di farlo bene e ogni giorno migliaia di donne e uomini dell’Ugl rappresentano altrettanti punti di riferimento per colleghi di lavoro o famiglie in difficoltà. Presidiamo innumerevoli tavoli di vertenze, facciamo assemblee e riunioni dei direttivi a tutti i livelli territoriali, ascoltiamo le persone e i loro bisogni, ci confrontiamo, se serve anche duramente, con le controparti, contribuiamo all’elaborazione di testi legislativi nel confronto col Parlamento.

Tutto questo fa parte del lavoro quotidiano e non basterebbe a motivare i lavoratori a iscriversi al sindacato e neppure i sindacalisti a spendere tutto il loro tempo al servizio degli altri. C’è qualcosa in più che convince i lavoratori ad iscriversi, che ci da la carica e la motivazione ad andare avanti a volte contro tutto e tutti, ed è la certezza di far parte di una Comunità umana che ha una meta concreta, un obiettivo da raggiungere e per il quale intere generazioni di lavoratori e sindacalisti hanno lottato da oltre sessant’anni: la Partecipazione. Lo scopo della nostra Conferenza Programmatica, “La crescita felice. Idee e proposte”, che ha iniziato i suoi lavori e proseguirà fino a sabato, è il seguente: aggiungere nuove tappe al nostro cammino, aggiornare la mappa del percorso.

Abbiamo scelto di organizzare la Conferenza in quattro momenti di riflessione su tematiche che ci proiettano oltre il quotidiano: non per eludere i problemi, dei quali pur ci dobbiamo occupare e ci stiamo occupando, ma per dare il nostro contributo a trovare una via d’uscita dalla crisi che stiamo attraversando rimettendo al centro delle scelte della politica il lavoro e il progresso del nostro Paese. Al nostro dibattito si può partecipare seguendoci su twitter con l’hashtag #crescitafelice.

*Segretario generale Ugl