Decadenza, si vota il 27 novembre. Ma il Pdl pone la pregiudiziale e solleva il caso dei “tweet” di Crimi

Il voto sulla decadenza da senatore di Silvio Berlusconi si terrà nell’aula del Senato il 27 novembre. La decisione è stata presa a maggioranza dalla conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama e verrà sottoposta a una votazione dell’Aula, dal momento che vi si oppone il Movimento 5 Stelle. Se il calendario verrà confermato, il voto sulla decadenza si terrà dopo il via libera alla legge di stabilità.

Il Pdl, però, ha chiesto e ottenuto la convocazione del consiglio di presidenza per valutare la pregiudiziale, prima del voto dell’Aula. Al centro della contestazione del Pdl i tweet di Vito Crimi (M5S) durante la seduta della giunta. Maurizio Gasparri (Pdl), vicepresidente del Senato, spiega di aver sollevato stamani la questione della validità della decisione della giunta sulla decadenza di Silvio Berlusconi, sia nel consiglio di presidenza che era convocato per discutere del bilancio del Senato, sia nella conferenza dei capigruppo che si è svolta subito dopo. Il Pdl ritiene che i messaggi contro Berlusconi pubblicati dal senatore M5S Vito Crimi su Facebook e Twitter mentre era in corso la seduta della giunta, inficino la decisione dell’organo di Palazzo Madama che ha dato il via libera alla decadenza. E chiede perciò che prima che si tenga il voto in aula, il consiglio di presidenza si pronunci sulla questione. Il presidente Pietro Grasso, riferisce ancora Gasparri, ha affermato che a suo avviso la pregiudiziale sollevata dal Pdl non sussiste, ma ha acconsentito a convocare il consiglio di presidenza per discuterne.