Basta con le notizie “addolcite” su Cuba: i dissidenti continuano a vivere nel dramma

da Mario De Luca.

La situazione dei dissidenti di Cuba continua ad essere critica e ho letto con molto piacere l’articolo che finalmente toglie il silenzio su una situazione drammatica che i giornali amici della sinistra, con l’aiuto di molti conduttori televisivi, tendono a minimizzare. Evidente è la volontà di far passare come un “paradiso” uno degli ultimi Paesi che vivono il regime comunista, come in passato si è fatto, di volta in volta, ora con l’Unione sovietica (ci pensò Guareschi, con la sua ironia, a smantellare il castello di menzogne costruite dal Pci) ora con la Germania Est (basta ricordare l’entusiasmo per le imprese sportive, poi ridotte al nulla quando venne fuori la storia del doping). Di contro, ci sarebbe da evidenziare tutti gli errori commessi dalle democrazie occidentali, partite con l’idea della libertà e finite nelle mani dei poteri forti.