Alfano: noi contro la decadenza di Berlusconi, ma il voto non avrà riflessi sul governo

“C’è grande entusiasmo e grande fiducia che attraverso il Nuovo centrodestra si possa riaprire un cammino vincente per tutta l’area alternativa alla sinistra”. Il vicepremier Angelino Alfano lascia soddisfatto l’assemblea di Ncd al Senato, dove è stato eletto capogruppo Maurizio Sacconi. Alfano sottolinea “il grande riscontro sul territorio” a una settimana dalla scissione del Pdl. Il vicepremier si trattiene con i senatori e ai cronisti che lo attendono sottolinea che sta andando “tutto molto bene, con grande entusiasmo e grande fiducia”. “Tutti hanno testimoniato – racconta Alfano a proposito dei contenuti dell’assemblea – di un grande riscontro su tutti i territori del nostro Paese e di una grande fede e di una grande fiducia nel presente e nel futuro del Paese”. E su Berlusconi annuncia che la linea non è cambiata: “Sulla decadenza non ci muoveremo di un millimetro. In Aula faremo battaglia fino in fondo”. Via libera dunque alla presentazione di odg o pregiudiziali contro la decadenza anche se il voto, viene ribadito,  non avrà riflessi sul governo.

Sacconi a sua volta sottolinea che l’atteggiamento dei senatori del Ncd sarà quello di impedire agguati al governo Letta: ”Toccherà per molta parte alle senatrici e ai senatori del Nuovo Centrodestra operare con tenacia ed intelligenza affinché la legislatura prosegua operosamente il suo corso nonostante i tentativi che, soprattutto dopo l’8 dicembre, alcuni porranno in essere per provocarne la fine anticipata. Noi vogliamo evitare quella crisi dell’intero sistema democratico che inevitabilmente si produrrebbe in assenza delle necessarie riforme istituzionali e di una responsabile gestione della complessa transizione economica. E vogliamo alimentare con la nostra cultura di governo le decisioni possibili, con particolare attenzione alla liberazione della società dall’oppressione fiscale, regolatoria e giudiziaria”.

Il Nuovo centrodestra si organizza anche per elaborare un’alternativa al Mattinale di Forza Italia. Il 30 novembre a Milano sarà presentato il contro “Mattinale” al quale lavorerà un gruppetto di 5 giovani cronisti reclutati per l’occasione. E si punta a un’utenza piuttosto ampia: 3000 nomi in mailing list solo per cominciare.