Lo sfogo di Renzi: «Di questo Pd con la puzza sotto il naso non ne posso più…»

«Non possiamo immaginare di fare il controcanto al governo. C’è il governo Letta e governa Letta». Matteo Renzi parlando al videoforum di Repubblica.it non cede alla tentazione di scagliarsi contro l’esecutivo (almeno per il momento) e parlando di legge di stabilità chiarisce che «l’idea è buona e le cifre sono basse». E ancora una volta non nasconde la sua irritazione nei confronti dei compagni di partito: «Io della sinistra con la puzza sotto il naso non ne posso più, la sinistra che si crogiola nel com’è bello partecipare mi manda fuori di testa». Quanto al centro «è una balla mediatica». «C’è Monti che litiga con Casini, e c’hai quello che litiga con l’altro. E c’è persino Fini nel centro… Ma chi c’è nel centro? Il partito del centro, in un modello bipolare semplificato quale quello che gli italiani vogliono, non esiste». Un po’ spocchioso lo è, però, tant’è che forte del suo consenso, al giornalista che gli chiede di un eventuale ticket con Cuperlo replica: «Siamo già ai ticket… ho già risposto a Cuperlo: parliamo di cose serie, parliamo dei congressi». Le larghe intese? «Facciamo subito le riforme con una sola Camera alla quale vada aggiunta senza indennità, una dei sindaci e dei presidenti di Regione: questo porta a risparmiare, perché non si possono fare queste cose? Ci sono le larghe intese, facciamo queste cose qui». E, infine, ribadisce sulla legge elettorale di essere a favore del doppio turno «che ha il piccolo difetto che funziona… ». Ma, conclude, «il meccanismo lo trovi: non sono affezionato al primo, al secondo turno, al preliminare di Champions… ».