Decadenza, 22 senatori del Pdl firmano un appello a Grasso. Ed è polemica

Ventidue senatori “innovatori” hanno promosso un appello al presidente del Senato Pietro Grasso affinché non ascolti il parere della Giunta per il regolamento sul voto palese per la decadenza di Berlusconi.L ‘appello, lanciato da Luigi Compagna primo firmatario, Piero Aiello, Andrea Augello, Laura Bianconi, Giovanni Bilardi, Antonio Stefano Caridi, Federica Chiavaroli, Francesco Colucci, Nico D’Ascola, Roberto Formigoni, Antonio Gentile, Carlo Giovanardi, Marcello Gualdani, Giuseppe Marinello, Bruno Mancuso, Paolo Naccarato, Giuseppe Pagano, Luciano Rossi, Maurizio Sacconi, Francesco Scoma, Salvatore Torrisi e Guido Viceconte (e condiviso dal ministro Quagliariello che non lo ha formalmente sottoscritto per rispetto dell’autonomia parlamentare) è aperto all’adesione di tutti i colleghi senatori che ne condividano i contenuti.

«Il parere della Giunta per il regolamento del Senato sul voto palese – si legge nell’appello – oltreché tecnicamente infondato, contravviene alle regole della correttezza istituzionale. Non vi può essere infatti alcun dubbio sul fatto che il tipo di votazione in esame riguardi una persona e che dunque, ai sensi del terzo comma dell’articolo 113 del regolamento, debba avvenire a scrutinio segreto. Tale regola consolidata rappresenta un argine contro il rischio che delicate questioni che riguardano singoli senatori e non coinvolgono in alcun modo l’indirizzo politico del Senato e quindi la dialettica fra maggioranza e opposizione e fra le forze politiche, possano essere risolte sulla base degli schieramenti parlamentari senza alcuna considerazione del merito specifico delle stesse». «Ed è proprio per tali ragioni – proseguono – che il regolamento prevede un meccanismo di votazione idoneo a garantire a ciascun senatore la necessaria libertà di coscienza. Del tutto speciosa appare l’argomentazione addotta dalla Giunta, secondo la quale, rappresentando un prerogativa dell’organo parlamentare a tutela della legittimità della propria composizione in forza dell’articolo 66 della Costituzione, la deliberazione in oggetto non riguarderebbe singole persone e non ricadrebbe come tale nella previsione dell’articolo 113, comma terzo del regolamento. Se infatti – si legge – la premessa di tale ragionamento può apparire in sé corretta, non può parimenti essere negato che tale deliberazione riguardi direttamente una persona: come tale, non può che essere adottata a scrutinio segreto. Del resto, il dettato regolamentare è inequivoco nel prescrivere la votazione segreta in tutti i casi di votazioni “comunque” riguardanti persone, con ciò chiaramente intendendo che la coesistenza di altri profili (ad esempio la composizione del Senato) non esime dall’obbligo di scrutinio segreto quando la deliberazione abbia ad oggetto una personam». Ancora: «Una conferma di tale linea interpretativa si può rinvenire nei precedenti su fattispecie analoghe anche se non identiche, atteso che la legge in forza della quale viene sottoposta al voto una proposta di mancata convalida è alla sua prima applicazione parlamentare», si legge nell’appello. «A tali argomentazioni di ordine giuridico si aggiunga l’evidente inopportunità di invertire una prassi consolidata e fondata sulla lettera e sullo spirito del nostro regolamento in virtù di un parere espresso dalla Giunta a strettissima maggioranza e sulla base di considerazioni meramente politiche», proseguono. L’appello si conclude così: «Per tutte queste ragioni, noi sottoscritti senatori le chiediamo di assumere le decisioni che il regolamento le assegna per garantire il rispetto delle regole di votazione – e dunque la legalità dei nostri lavori – disattendendo il parere non vincolante della Giunta così come il comma 5 dell’articolo 113 le consente di fare».

Immediate le reazioni. «Ma è solidale con Berlusconi nel gruppo al Senato del Pdl solo chi fa parte dell’elenco dei 22 più aderenti postumi o siamo, come credo, solidali tutti? Che giochetti antiquati. Francamente, – afferma Maurizio Gasparri – lo dico senza astio, è un modo ridicolo di solidarizzare dividendo. Per la serie: poiché forse rompo un po’ mi dichiaro amico e fingo. Colleghi, siamo seri per favore e lasciamo questi giochetti a professori e assessori. Berlusconi si sostiene in primo luogo tenendo uniti partito e gruppi parlamentari. O si vuol far credere che solo in 22 più qualche apocrifo siano sulla retta via? Serietà!».