Corteo di Roma, finisce in manette per rapina un 17enne già fermato per gli scontri: furto di alcolici

Arrestato, rilasciato e di nuovo arrestato. Un copione che spesso si ripete. Erano stati tutti scarcerati appena ieri i sei manifestanti fermati a Roma sabato scorso durante il corteo dei movimenti: per tutti le accuse di resistenza a pubblico ufficiale sono cadute, non essendoci elementi che provassero la loro partecipazione agli scontri. La decisione del gip era stata accolta con un applauso dal centinaio di manifestanti che ieri si trovavano davanti al carcere di Regina Coeli. Per tutta risposta oggi  uno di loro è stato nuovamente arrestato dai carabinieri, sempre a Roma, dopo aver rubato delle bottiglie di alcolici in un bar. In manette con lui sono finiti anche un ventitreenne e un diciottenne. I tre erano entrati in un bar in via Anastasio II, nei pressi di Piazzale degli Eroi, e avevano portato via tre bottiglie di vino dandosi poi alla fuga. Il proprietario del locale e alcuni clienti, dopo una breve colluttazione, erano riusciti a bloccarli, aiutati poi da una pattuglia del nucleo radiomobile dell’Arma. I giovani sono accusati di rapina impropria e resistenza a pubblico ufficiale. Nel tentativo di fuggire, infatti, i tre avevano infatti tentato di colpire le bottiglie il titolare. I due maggiorenni sono in attesa del rito direttissimo, il minore è stato accompagnato nel centro di prima accoglienza di Roma.