Siamo un popolo generoso ma non stupido: il reato di clandestinità va ripristinato
Siamo un popolo generoso ma non stupido: il reato di clandestinità va ripristinato
Inutili gli allarmi, inutili i tentativi di coinvolgere gli organismi internazionali. Sulle nostre coste continuano […]
Obblighiamo Renzi alla prova dei fatti. Perché il bluff è meglio scoprirlo prima possibile
Obblighiamo Renzi alla prova dei fatti. Perché il bluff è meglio scoprirlo prima possibile
Ma davvero Matteo Renzi sta andando all’attacco del blocco di potere che ha sommerso l’Italia? […]
L’ultima follia di Ignazio Marino e del Pd: zone di Roma “riservate” alla prostituzione
L’ultima follia di Ignazio Marino e del Pd: zone di Roma “riservate” alla prostituzione
Prostitute ovunque, i residenti di interi quartieri che protestavano, nessuno che rispondeva. Per mesi si […]

Pubblica su Facebook le foto della ex nuda: arrestato un 25enne di Caltanissetta

Pubblica su Facebook le foto della ex nuda: arrestato un 25enne di Caltanissetta
Interni

Non sono bastati gli arresti domiciliari per stalking a un venticinquenne di Caltanissetta, che è finito in galera, stavolta accusato di produzione e divulgazione di materiale pedo-pornografico, diffamazione e minacce. Davide Miraglia, già condannato per la persecuzione nei confronti della sua ex, è stato nuovamente denunciato lo scorso 2 settembre dalla madre della ex fidanzata, una ragazza di 15 anni, per aver pubblicato foto pornografiche della figlia sul proprio profilo Facebook.  Il giovane, che era stato più volte denunciato per stalking per aver minacciato e molestato la minore, dagli arresti domiciliari aveva proseguito l’opera di stalker, stavolta sul web. L’indagine dei carabinieri s’è mossa da Caltanissetta alla California, dove ha sede Facebook. La madre della ha denunciato che sul profilo Facebook di Miraglia erano state postate scatti hard in cui v’era in posa la figlia e che altre immagini compromettenti erano state pubblicate su un secondo profilo. Miraglia, inoltre, avrebbe inviato un sms all’ex fidanzata minacciandola che avrebbe fatto girare altre foto osè se non fossero tornati insieme. Inoltre, scavando nella rete, i carabinieri hanno individuato un terzo profilo dove Miraglia aveva pubblicato altre foto. A quel punto militari si sono messi in contatto con i tecnici americani di Palo Alto, e hanno raccolto elementi per arrestare Miraglia. Il Gip del tribunale di Caltanissetta, su richiesta della procura, ha emesso la misura cautelare in tempo record. La notte scorsa, durante una perquisizione a casa di Miraglia, gli uomini dell’Arma hanno sequestrato diversi cellulari, numerosi cd-rom e un computer sul quale verranno effettuati accertamenti.

OGGI IN Interni

Prof a luci rosse: la “ministra” Giannini pontifica e i docenti la umiliano: «Non sa di che parla»

Prof a luci rosse: la “ministra” Giannini pontifica e i docenti la umiliano: «Non sa di che parla»
Interni
Il collegio dei docenti del liceo Eleonora d’Arborea di Cagliari mette in castigo il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini per le sue dichiarazioni «inopportune» e «arbitrarie» […]

Commenta la notizia

SECOLO D'ITALIA - Registrazione Tribunale di Roma n. 16225 del 23-02-1976. Partita IVA/C.F. 10091541002 - Privacy