Lo sposo gay picchia il “marito” durante la festa di nozze in Francia: arrestato

Finisce in tribunale la festa di nozze di una coppia gay francese. Uno dei due sposi, un uomo di ventidue anni, è stato condannato a diciotto mesi di prigione per violenze coniugali dopo aver picchiato il marito la sera stessa del matrimonio, celebrato al comune di Alencon sabato scorso. La decisione è stata assunta dal tribunale della città nel nord-ovest della Francia dove, dallo scorso aprile, è stato legalizzato il mariage pour tous. I due sposi avevano bevuto molto dopo le nozze e si sono messi a discutere piuttosto animatamente delle rispettive madri. La lite è però degenerata. Il coniuge violento, già noto ai servizi di polizia, ha  a questo punto colpito il compagno, prima lo ha fatto cadere a terra con una testata, poi ha continuato a picchiarlo. Dovrà scontare 18 mesi di detenzione più sei mesi con la condizionale. A nulla sono valse le suppliche del marito-vittima che chiedeva al tribunale di essere clemente e lasciare allo sposo per quanto violento «un’altra chance’». Il giudice è stato inflessibile e i francesi hanno avuto la prova provata che la vita di coppia è difficile, anche per gli  omosessuali che si sono appena giurato amore eterno.