La società che realizza la Tav denuncerà lo scrittore Erri De Luca: aveva giustificato gli atti di sabotaggio

Una denuncia contro lo scrittore Erri De Luca verra’ presentata nei prossimi giorni da Ltf, la società che si occupa della realizzazione del Tav Torino-Lione. Lo si è appreso da fonti vicine alla stessa società. L’iniziativa è legata alle recenti prese di posizione di De Luca in favore delle azioni di ”sabotaggio” contro il cantiere.

Erri De Luca qualche giorno fa in un’intervista all’Huffington Post aveva difeso due attivisti No Tav arrestati perché trasportavano in macchina molotov, fionde e cesoie. Lo scrittore aveva aggiunto che “la Tav va sabotata. Ecco perché le cesoie servivano. Nessun terrorismo”.

 E ancora: “Hanno fallito i tavoli del governo, hanno fallito le mediazioni: il sabotaggio è l’unica alternativa”.

Parole che avevano suscitato un acceso dibattito e che avevano già fatto guadagnare a Erri De Luca l’accusa di essere “un cattivo maestro come Toni Negri”.

Sulle violenze dei No Tav era intervenuto anche il procuratore di Torino Giancarlo Caselli osservando che su quanto sta avvenendo in Val di Susa “c’è un fondo di preoccupazione per il silenzio e la sottovalutazione, se non peggio, da parte di uomini della cultura, della politica, dell’amministrazione e anche dell’informazione”. Parole che erano suonate come un atto d’accusa contro quella parte della sinistra che continua a considerare l’attivismo No Tav con indulgenza e a giustificarne gli eccessi.