I Radicali depositano le firme per i sei referendum sulla giustizia e ringraziano: vittoria raggiunta con l’impegno del Pdl

I Radicali hanno depositato stamani in Cassazione 532 mila firme a sostegno dei sei referendum sulla giustizia da loro promossi: due sulla responsabilità civile dei magistrati, uno per l’abolizione dell’ergastolo, uno contro i magistrati fuori ruolo, uno contro l’abuso della custodia cautelare e uno per la separazione delle carriere. Gli altri sei quesiti sui temi dei diritti civili, invece, non hanno raccolto le firme necessarie per la presentazione della richiesta referendaria in Cassazione. Nulla da fare, quindi, per i quesiti sull’abolizione del finanziamento dei partiti e dell’otto per mille, per il divorzio breve, le norme sull’immigrazione e sulla droga. Anche se inferiori al quorum richiesto, le firme raccolte su questi sei quesiti sono state depositate lo stesso.

La radicale Rita Bernardini, commentando l’esito della mobilitazione referendaria, ha sottolineato che senza l’impegno del Pdl l’obiettivo non sarebbe stato raggiunto: “Sono una conquista – ha detto – nessuno di questi referendum serve a Silvio Berlusconi, però abbiamo raggiunto questa vittoria grazie a lui. Invece, da parte della sinistra non è arrivato nessun apporto determinante, nemmeno per far firmare anche gli altri quesiti sulla libertà e i diritti civili”.