Tramonta il mito del topless: le francesi tornano a coprirsi. Solo il 18% mostrerà il seno in spiaggia

Stare in topless? Non è più “cool”. Il contrordine arriva proprio dalla Francia, dove fece la sua comparsa sulle spiagge di Saint-Tropez. Era il 1964. Ma da allora ne è passata di acqua sotto i ponti. All’epoca il topless era simbolo di libertà sessuale ed emancipazione. Col tempo è diventato normale mostrare il seno in spiaggia, ma ora c’è un’inversione di tendenza. Secondo un sondaggio Bva solo il 18% delle donne d’Oltralpe questa estate prevede di prendere il sole a seno scoperto. Nei fatti, solo il 12% si metterà davvero in topless sulla spiaggia. Insomma il topless è passato di moda. Lo pensa più della metà delle francesi (57%), mentre il 75% di loro ritiene che un bel costume da bagno è molto più “seducente”. L’80% delle donne tra i 50 e i 64 anni pensa persino che ormai il topless abbia fatto il suo tempo e che ora è più che mai superato. «Il maggio del ’68 portava rivendicazioni contro gli obblighi della vita borghese ereditata dall’800 e contro il suo pudore eccessivo», ha spiegato a Le Parisien Magazine, la sociologa Jacqueline Feldman. «Ora che la libertà è acquisita, il topless non è più un atto politico». Nessuna però contesta il diritto di ognuna di abbronzarsi a seno scoperto (è una “scelta libera” per l’87% delle francesi). Il topless per molte è solo una pratica di altri tempi (57%). L’86% sa che fa male alla pelle. La generale tolleranza al topless non ha tuttavia cancellato tutti gli imbarazzi. Il 13% dei francesi, uomini e donne insieme, sostiene di sentirsi “a disagio” in presenza di una donna in topless. Il 49% ritiene che sia “provocante” in presenza di bambini e adolescenti. Il 39% lo giudica “impudico”. Inoltre una cosa è la spiaggia, una cosa è la città. Mostrarsi a seno nudo nelle strada di Francia è vietato. Perizomi, topless e abbronzatura integrale sono stati messi al bando anche a Paris-Plage: caldo o no, è chiesto ai frequentatori della spiaggia parigina sulla Senna di mantenere una tenuta “decorosa”.