I radicali inneggiano allo Stato “spacciatore”: parte sul web la campagna per legalizzare la cannabis

«La legalizzazione illustrata…agli adulti»: con questo slogan si apre un provocatorio cartone animato, che già impazza sul web, con il quale i radicali promuovono un referendum per la legalizzazione delle droghe, modificando in senso antiproibizionista l’attuale legge sugli stupefacenti. Nel cartoon vengono forniti tanti dati ed informazioni a sostegno del presunto “fallimento” delle politiche proibizioniste. E si portano anche cifre suggestive sulla legalizzazione della cannabis: «Se lo Stato la legalizzasse avrebbe introiti pari a 8 miliardi di euro l’anno, come a due Imu sulla prima casa, quanto basta per costruire 30 nuovi ospedali o comprare – si aggiunge ironicamente – sessanta F35». Insomma, usando il parametro economicistico  proposto dai radicali, lo Stato dovrebbe di fatto  diventare “spacciatore” di sostanze supefacenti. Il quesito referendario propone, in sostanza, «di abolire il carcere – si legge nel sito  cambiamonoi.it –  per eliminare quelle norme che riempiono le carceri di consumatori». «Vogliamo che sia evitata la pena detentiva per fatti di lieve entità, mentre resterebbe la sanzione penale pecuniaria».

Se vincesse il referendum, verrebbe eliminata per tutte le violazioni che riguardano fatti di lieve entità (ad es. coltivazione domestica, possesso e trasporto di quantità medie, condotte border line tra consumo e piccolo spaccio), la pena detentiva mentre rimarrebbe la sanzione penale pecuniaria della multa da 3mila a 26 mila euro. I radicali spiegano che per via referendaria, a causa delle convenzioni internazionali stipulate dall’Italia, una legalizzazione completa non è raggiungibile. «Ma è la nostra prospettiva», assicurano. Questi gli effetti della nuova normativa immaginata dai referendari: mai il carcere per fatti di lieve entità; probabile riduzione pressione investigativa su condotte scarsamente offensive e conseguente riduzione carico giudiziario e penitenziario. E tanta, tanta nuova droga in circolazione, con tanti, nuovi poveri ragazzi che cadono nella schiavitù della tossicodipendenza, con tanto dolore per le famglie. E con tanta soddisfazione per le organizzazioni criminali.