Udienza Mediaset in Cassazione: oggi parlano gli avvocati

Seconda giornata dell’udienza sul processo Mediaset in Cassazione davanti alla Sezione feriale presieduta da Antonio Esposito. Oggi parlano gli avvocati: il legale di Silvio Berlusconi Franco Coppi parlerà per ultimo. Il verdetto è atteso per domani. Secondo la stima dell’avvocato Coppi “ci vorranno almeno cinque ore” per le arringhe dei difensori. Intanto l’avvocato Coppi interpreta così la requisitoria di Mura: “Non mi pare abbia preso di petto i nostri motivi di ricorso, ha più che altro ripercorso il processo”. Coppi ha assicurato che Silvio Berlusconi (che in mattinata ha ricevuto Gianni letta a Palazzo Grazioli) non si farà vedere a piazza Cavour: “Non ha motivo di venire qui”. Continua invece l’assedio dei cronisti: tra questi un osservatore speciale, il vignettista Vincino, il cui binocolo è stato controllato dalle forze dell’ordine. Il disegnatore de Il Fatto e de Il Foglio, in aula per guardare più da vicino il collegio giudicante, è stato raggiunto, sul loggione laterale dove sedeva, da un carabiniere che ha constatato che il suo binocolo era ‘innocuo’. Quindi ha ripreso tranquillamente a lavorare alle sue ‘caricature’, tra le quali quelle di alcuni carabinieri presenti in aula, che le hanno molto apprezzate.

La politica resterà ancora fino a domani con il fiato sospeso. Brunetta legge la richiesta del pg Mura di “scontare” gli anni di interdizione da 5 a 3 come uno spiraglio interessante, come una conferma dell’errore commesso dal “fondamentalista” tribunale di Milano. Stefano Fassina, viceministro Pd dell’Economia, difende le larghe intese: “Mi auguro che il centrodestra dimostri senso di responsabilità verso il Paese”.