Sondaggi: Pdl in crescita, centrodestra in testa. Napolitano e Renzi in testa nel gradimento

Pdl in crescita, anche se di poco, Pd in calo e M5S sostanzialmente fermo: è questo il quadro delle intenzioni di voto per le principali forze politiche secondo un sondaggio effettuato da Tecnè per Sky Tg24. In salita, anche se di pochi decimali, le forze minori. A crescere di due punti è invece l’area del non voto. Per quanto riguarda le coalizioni, prima è quella di centrodestra, che “stacca” di quasi due punti quella di centrosinistra: la prima è in lieve crescita mentre la seconda ha un calo. Nel quadro delle intenzioni di voto per i partiti, il Pdl sale al 28,3%, con un +0,3, quindi il Pd al 26,8% (27,5), M5S 16,3% (16,4), Sel 6,8% ( 6,6), Scelta Civica 5,7% ( 5,4),  Fratelli d’Italia 4,2% ( 4,0), Lega Nord 3,5% ( 3,4)

Secondo in altro sondaggio, della Swg per Agorà Estate, sarebbe invece in calo la fiducia degli italiani nei confronti del Governo Letta. Nei giorni del suo insediamento, a inizio maggio, era al 43%. Oggi la fiducia nel governo Letta è al 26%, in discesa costante da alcune settimane. «È l’effetto della vicenda kazaka – ha segnalato Roberto Weber, presidente Swg – e per la prima volta hanno manifestato maggiore fiducia nell’esecutivo gli elettori di centrodestra rispetto a quelli di centrosinistra». Nella classifica di gradimento dei leader, invece, Renzi e Napolitano sono in testa, col 52% di fiducia, ma in una settimana il sindaco di Firenze ha perso 4 punti. Quanto all’ipotesi di rimpasto di governo a settembre, non convince troppi italiani (è favorevole il 37%) ma piace molto di più agli elettori del Pd rispetto a quelli del Pdl, 65% a 35%.