Papa Francesco e il coraggio di sfidare gli apparati: «Nella Chiesa strutture antiche, vanno cambiate»

«Non avere paura del rinnovamento delle strutture» della Chiesa. Durante la messa celebrata a Santa Marta, l’ultima prima della pausa estiva, Papa Francesco non cessa di lanciare messaggi “rivoluzionari”. Torna in mente il monito di Papa Wojtyla, il suo accorato «non abbiate paura». Spiega il pontefice: «Nella vita cristiana, anche nella vita della Chiesa, ci sono strutture antiche, strutture caduche: è necessario rinnovarle!», ha affermato  non rinunciando al suo stile comunicativo semplice: «Vino nuovo in otri nuovi», ha detto, soffermandosi sul rinnovamento che porta Gesù. «Essere cristiano significa lasciarsi rinnovare da Gesù in questa nuova vita», ha spiegato. Inoltre, «non si può essere cristiano a pezzi, part-time. Il cristiano part-time non va!». «Essere cristiano alla fine non significa fare cose, ma lasciarsi rinnovare dallo Spirito Santo o, per usare le parole di Gesù, diventare vino nuovo», ha sottolineato Papa Bergoglio. Non ua parola sulla bufera che ha travolto lo Ior, ma indirettamente il Papa torna a mettere al centro dell’attenzione la riforma della Chiesa.  La novità del Vangelo, secondo il Papa, ci supera, «va oltre noi», ci rinnova «e rinnova le strutture», ha ribadito. Ancora: «La Chiesa sempre è stata attenta a quello, col dialogo con le culture… Sempre si lascia rinnovare secondo i luoghi, i tempi e le persone. Questo lavoro sempre lo ha fatto la Chiesa!», ha spiegato con calore entrando nel vivo, sia pure indirettamente, nel tema della riforma, che è e sarà il punto centrale del suo pontificato. «Così la Chiesa sempre è andata avanti – ha proseguito -, lasciando allo Spirito Santo che rinnovi queste strutture, strutture di chiese. Non avere paura della novità del Vangelo!», esclama. «Non avere paura della novità che lo Spirito Santo fa in noi! Non avere paura del rinnovamento delle strutture!», ribadisce e rassicura l tempo stesso. «La Chiesa – ha detto ancora – è libera: la porta avanti lo Spirito Santo», ha quindi spiegato insistendo sull’importanza della «libertà di scegliere otri nuovi per questa novità».