Il ministro Carrozza vuole abolire i compiti per le vacanze? Il Pdl rilancia: scuole aperte anche d’estate

Da una parte il ministro Maria Chiara Carrozza che auspica l’abolizione dei compiti a casa durante le vacanze estive, dall’altra la responsabile Scuola del Pdl, che le vacanze estive propone addirittura di abolirle.  La Carrozza aveva lanciato la sua proposta all’insegna dello “studiare meno studiare tutti”. «Non serve a niente imporre tonnellate di versioni di latino o decine di problemi da risolvere – ha detto il ministro del Pd – Vengono smaltiti meccanicamente, senza concentrazione. Un bravo insegnante è quello che stimola la curiosità e incoraggia la scelta. Sarebbe bello che ad ogni ragazzo fosse fornita una lista di libri perché selezioni le sue letture delle vacanze. Dobbiamo insegnare il valore della scelta».  Due visioni quasi agli antipodi, tra la responsabile del dicastero dell’Istruzione ed Elena Centemero, che lancia una provocazione: «La nostra scuola va modernizzata, nelle infrastrutture così come nei metodi. Il ministro Carrozza ha suggerito di interrompere la prassi dei compiti delle vacanze? Io dico superiamoli e andiamo oltre: teniamo le scuole aperte anche nel periodo estivo. Sfruttiamo le vacanze per far misurare gli studenti con discipline nuove e attività integrative, per organizzare corsi di recupero più approfonditi, per sperimentare modalità di insegnamento innovative e per valorizzare le attività sportive». La deputata Pdl va oltre: «Al ministro chiedo di considerare questa ipotesi non come una provocazione ma come una proposta concreta per avvicinare la scuola ai giovani e tenerla al passo coi tempi».  La fine delle attività scolastiche quest’anno è andata dall’8 giugno di Veneto e Lombardia al 14 giugno dell’Alto Adige. Tenendo presente che le scuole riapriranno dall’11 settembre, un periodo di vacanze record rispetto al resto d’Europa. A Parigi la scuola chiude dall’inizio di luglio all’inizio di settembre. A Berlino da fine giugno ai primi di agosto, a Madrid gli studenti non vanno a scuola dall’ultima settimana di giugno alla prima di settembre. Per non parlare del Giappone dove le vacanze estive iniziano solo il 18 luglio e finiscono già il 31 agosto.