Deraglia un treno vicino Parigi: sette morti, ma il bilancio è destinato a peggiorare

È di almeno sette morti e decine di feriti (di cui nove gravi) il tragico bilancio, destinato a peggiorare, del deragliamento di un treno a Bretigny-sur-Orge, nei pressi di Parigi, avvenuto nel pomeriggio. Il convoglio, un Intercity, era diretto a Limoges. Al passaggio nella stazione di Bretigny-sur-Orges, sulla linea suburbana della banlieue parigina, si è inclinato su un lato, abbattendo parte della pensilina e dei fili elettrici. Secondo le prime ricostruzioni sono rimaste coinvolte le ultime quattro carrozze in coda, con circa 350 passeggeri a bordo. L’ufficio del prefetto di Parigi ha attivato le misure previste dal piano di allerta «codice rosso». Le ragioni dell’incidente sono ancora sconosciute. Le prime testimonianze riportate dal sito del quotidiano francese Le Parisienne, parlano di «scena apocalattica», con molti feriti incastrati nei vagoni. Il treno deragliato oggi nella regione parigina è una tratta frequentata dai pendolari. Secondo alcuni testimoni, i soccorsi sono arrivati in fretta sul luogo dell’incidente e il convoglio, che non doveva fermarsi in stazione, viaggiava ad una velocità normale. «È una catastrofe», ha commentato Guillaume Pepy, il presidente della Sncf (la società che gestisce le ferrovie francesi) subito dopo il suo arrivo sulla scena dell’incidente. Un numero verde sarà attivato «al più presto». «È prematuro fare ipotesi e congetture» sulle cause dell’incidente, ha dichiarato Pepy sottolineando che inchieste «trasparenti» sono già in corso e che gli «esperti» sono arrivati sul luogo.