De Gennaro nuovo presidente di Finmeccanica? L’indiscrezione scatena l’ira dell’estrema sinistra

Gianni De Gennaro prossimo presidente di Finmeccanica? È bastata una indiscrezione de la Repubblica a mattere in grande fibrillazione la nostrana estrema sinistra: da M5S a Sel e persino a qualche parlamentare del Pd è immediatamente partito il fuoco di  sbarramento. Rimane comunque il fatto che  la nomina del numero uno della società della difesa è probabilmente il tassello più delicato della complicata partita delle nomine delle società pubbliche che si è da poco aperta. A pronunciarsi sarà  l’assemblea dell’azienda, durante la quale il Tesoro, che detiene il 30,2% delle azioni, dovrà indicare le sue preferenze con nomi scelti anche alla luce dei nuovi criteri di rigore e trasparenza indicati nella recente direttiva dello stesso Tesoro: tre gli amministratori dimissionari da sostituire, Franco Bonferroni, il presidente Giuseppe Orsi e Christian Streiff.

Il nome di De Gennaro per la presidenza di Finmeccanica circola da diverso tempo insieme a quello dell’attuale ad di Ansaldo Energia, Giuseppe Zampini, sul quale però sembrerebbe aver prevalso. IIl mercato sembra comunque  aver premiato la scelta, perché dopo l’articolo de la Repubblica  il titolo del gruppo è salito. Il primo a dare fuoco alle polveri è stato Massimo Artini, M5S,  vicepresidente della Commissione Difesa della Camera: «In un qualsiasi paese civile – ha tuonato il parlamentare grillino – De Gennaro avrebbe concluso la sua inarrestabile carriera nel luglio 2001 con la mattanza alla Diaz di Genova». Becero anche il commento del segretario del Prc, Paolo Ferrero: «Evidentemente in Italia massacrare di botte chi manifesta fa bene alla carriera».  Anche Nichi Vendola è partito all’attacco. Questa la sua  intimazione  all’esecutivo: « Il governo Letta si fermi: la nomina De Gennaro a Finmeccanica è sbagliata e inadatta. E’ un’offesa nei confronti del buonsenso». E pure  il Pd dice la sua, per bocca di  Lorenzo Basso, membro  della Commissione Attività Produttive: «Esprimo forte preoccupazione per le indiscrezioni relative alle nomine dei nuovi vertici di Finmeccanica». Come da copione.