Il centrosinistra conquista tutti i capoluoghi. Ai grillini due piccoli comuni (Assemini e Pomezia)

Il centrosinistra vince ovunque nei capoluoghi, a cominciare da Roma. E nei comuni più piccoli non va molto meglio per il centrodestra. A Brescia Emilio Del Bono a capo di una lista di centrosinistra ottiene il 56,5 per cento diventando sindaco sull’uscente Adriano Paroli del centrodestra che arriva al 43,5. Cade a Treviso la Lega col suo sindaco storico Giancarlo Gentilini,sostenuto anche dal Pdl, che ha perso il ballottaggio con circa dieci punti percentuali di distacco da Giovanni Manildo che ha raggiunto il 55 per cento. Ad Avellino Paolo Foti del Pd batte con il 62 per cento Costantino Preziosi a capo di una lista civica che raggiunge il 38. Ad Ancona Valeria Mancinelli del centrosinistra vince la sua sfida con il 63 per cento contro Italo D’Angelo che ottiene il 37. Buon risultato a Siena per il centrodestra, pur nella sconfitta, con Eugenio Neri che ha superato il 48 per cento contro il 52 di Bruno Valentini del  centrosinistra. A Imperia grande vittoria di Carlo Capacci del Pd con oltre il 76 per cento, su Erminio Annoni. A Viterbo, feudo storico del  centrodestra, il sindaco uscente Giulio Marini ha avuto solo il 38 per cento rispetto allo sfidante del  centrosinistra Leonardo Michelini, che si aggiudica la poltrona di primo cittadino con il 62. Anche a Sulmona la lista civica di centrosinistra di Peppino Ranalli vince il ballottaggio con il 66 per cento sull’esponente del centrodestra Giovanni Futuro che si ferma al 34. A Barletta, in Puglia, Pasquale Cascella del centrosinistra batte lo sfidante Giovanni Alfarano 63 per cento a 37. A Iglesias dopo una battaglia sul filo dell’ultimo voto, il centrosinistra di Agostino Emilio Gariazzo batte per qualche centinaio di voti Gian Marco Eltrudis che supera però il 48 per cento. Anche i grillini si aggiudicano un comune in Sardegna, il piccolo Assemini, 27mila abitanti, nel Campidano dove Mario Puddu guida la volata finale con il 68%, mentre Luciano Casula, sostenuto dal centrosinistra ed ex sindaco della città, si ferma al 32%. A Nettuno, sul litorale romano, il centrosinistra sostituisce il centrodestra al governo della cittadina con Alessio Chiavetta che batte Carlo Eufemi 62 a 38 per cento. A Pomezia, in provincia di Roma, il grillino Fabio Fucci vince a sorpresa il ballottaggio sul candidato del Pd. Centrodestra anche a Marano di Napoli, dove Angelo Liccardo ottiene il 55 per cento sul suo sfidante Mauro Bertini che conquista un buon 45 per cento. A Viareggio Leonardo Betti del centrosinistra stravince superando il 70 per cento sul suo sfidante Antonio Cima, fermo al 29. Valentina Ghio, del centrosinistra, è invece il sindaco di Sestri Levante con il 60 per cento su Massimo Sivori a capo di una lista civica. Il centrodestra invece si conferma a Santa Marinella, dove il sindaco uscente Roberto Bacheca vince il ballottaggio con il 56 per cento sullo sfidante di sinistra Massimiliano Fronti. Il centrodestra vince anche a San Nicandro Garganico con Piero Paolo Gualano che batte il candidato del  centrosinistra Mario D’Ambrosia 60 a 40 per cento. A Sabaudia, in provincia di Latina, dove erano giunte al ballottaggio due liste civiche di centrodestra, vince quella guidata da Maurizio Lucci col 56 rispetto a quella di Giovanni Secci che ha il 44 per cento. Nell’Afragola di Bassolino vince come da previsioni Domenico Tuccillo del centrosinistra che ottiene il 55 per cento su Antonio Pannone del centrodestra, che conquista un dignitosissimo 45. A Maddaloni vince il centro destra con il 56 per cento di Rosa De Lucia che batte Andrea De Filippo fermo al 44. A Salsomaggiore Terme ha vinto Filippo Frittelli del Pd con il 56 per cento rispetto al 44 di Matteo Orlandi. A Castellammare di Stabia il centrosinistra con Nicola Cuomo ottiene il 62 per cento su Antonio Pentangelo, sostenuto dal centrodestra, che conquista il 38.