Anonymous attacca il sito di Casaleggio. Un hackeraggio in grande stile contro il bluff grillino

«Siete peggio del cancro che vi eravate ripromessi di estirpare». Anonymous  torna all’attacco della rete grillina e colpisce con un hackeraggio in grande stile il sito della Casaleggio e Associati, che da ore non è più navigabile. Gli hacktivist lo hanno defacciato “defaced” e al posto della home page compare un’immagine di Lulz Sec (famoso gruppo di hacker americani, costola di Anonymous) e un link al comunicato pubblicato sul blog ufficiale di Anon Italy, nel quale si spiega che il sito del consulente di comunicazione di Grillo è stato attaccato per dimostrare quanto la trasparenza dei Cinque Stelle e l’uso della rete siano solo messaggi propagandistici privi di contenuto. «Sareste estremamente più popolari e benvoluti – si legge – se la smetteste di dedicarvi unicamente a faide interne e a decidere chi è la persona non grata della settimana. State diventando il cancro che vi eravate ripromessi di eliminare. Ma purtroppo come è noto il potere tende a corrompere e il potere assoluto corrompe assolutamente». A finire nel mirino di AntiSec Ita sono le attività di comunicazione di Casaleggio ( oltre al sito della società anche il sito di informazione tzetze.it)  e le attività politiche del comico-leader. Obiettivo dichiarato: dimostrare la vulnerabilità del sito (finora non sembra che siano stati rubati dati o mail riservaste) e il bluff delle consultazioni on line. «Le votazioni ed elezioni in rete, il megafono per tutti, il medium democratico per eccellenza, Quirinarie, offrite anche servizi di it Security… è uno scherzo? It’s very very lulzy». Dalla Casaleggio, che non è nuova alle “particolari” attenzioni degli hscker,  arriva un secco «no comment». Ma in passato Anonymous ha quasi sempre negato di essere coinvolta negli attacchi o ha ricondotto la responsabilità all’intraprendenza di singoli attivisti. Questa volta i pirati informatici hanno tolto la maschera.