Verso le elezioni per il Campidoglio: Alemanno in rimonta, è testa a testa con Marino

È testa a testa tra Gianni Alemanno e Ignazio Marino nella corsa al Campidoglio. Se si confermassero questi dati alle elezioni del 26 e 27 maggio, il sindaco di Roma e il candidato della sinistra andrebbero al ballottaggio. Per l’istituto di ricerca Tecnè Ignazio Marino è ora al 35%, Alemanno, arriverebbe invece secondo con il 32,9% dei favori. Distante il candidato del Movimento 5 Stelle Marcello De Vito, che si fermerebbe a quota 14,8%. Quarto, con l’11,3% delle preferenze, Alfio Marchini. L’istituto di ricerca ha rilevato anche le preferenze alle singole liste. Tra quelle che appoggiano Marino la lista del Partito democratico è quella con il maggior consenso (25,9%). La Lista Civica Marino Sindaco è al 5,8%, Sinistra ecologia e Libertà al 3,6%, il Centro democratico all’1,0%, i Verdi allo 0,6%, il Partito Socialista allo 0,6%. Nel complesso, la coalizione che appoggia Marino è data al 37,5%. «Quando sono partito per la sfida contro Rutelli – ha commentato Alemanno – stavo molto più indietro e abbiamo visto come è finita. Quindi credo che Marino debba riflettere attentamente su questi risultati e sul modo in cui sta facendo campagna elettorale e cioé all’insegna del disprezzo per il dibattito pubblico».

Tra le liste che appoggiano Alemanno il Popolo della Libertà è al 25,4 per cento,  Cittadini x Roma è stimato al 4,1%, La Destra al 2%, Fratelli d’Italia all’1,6%, Movimento Azzurri Italiani allo 0,2% e Movimento Unione Italiano allo 0,1%. La coalizione Alemanno raggiunge complessivamente il 33,4%. Il Movimento 5 Stelle si attesta al 14,9%. La coalizione per Marchini raggiunge l’8,4% per effetto del 7,7% della Lista Alfio Marchini sindaco e dello 0,7% di Cambiamo Roma. CasaPound, con il candidato Di Stefano, all’1,8%, la coalizione per  Sandro Medici (2,3%).