“Grande Giulio”: il grido della folla accompagna Andreotti nel suo ultimo viaggio

Il feretro di Giulio Andreotti arriva in corteo nella chiesa di San Giovanni Battista dè Fiorentini, la “sua ” chiesa, la stessa chiesa dove l’ex premier si recava a messa ogni mattina. Subito si leva l’applauso nella chiesa gremitissima. Malgrado la famiglia abbia disposto un funerale in forma strettamente privata, sono in molti i politici che hanno voluto dare l’ultimo saluto. Nelle prime file il presidente del senato Pietro Grasso, il sindaco Gianni Alemanno, Pier Ferdinando Casini, Ciriaco De Mita, Arnaldo Forlani e, tra gli altri, la figlia di Alcide De Gasperi, Romana. Presente anche una rappresentanza giovanile dell’As Roma. Fuori dalla chiesa, su piazza dell’Oro e per circa 200 metri staziona una gran folla che ha atteso la fine della cerimonia per l’ultimo saluto. Il feretro esce preceduto dalla corona di rose bianche inviate dal presidente della Repubblica e sorretta da due corazzieri, e subito dalla folla si è alzato un coro, “grande Giulio” che scatena l’applauso delle migliaia di persone in attesa. Il rito funebre è stato celebrato dal parroco della chiesa Don Luigi Venuti, e da molti sacerdoti concelebranti. Presente anche monsignor Rino Fisichella. «Siamo rimasti sorpresi che non ci fosse nemmeno un vescovo», ha detto uno dei concelebranti chiedendo l’anonimato. In mattinata il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, e il segretario di Stato Vaticano, Tarcisio Bertone, avevano fatto visita alla camera ardente allestita nell’abitazione del senatore a vita in centro a Roma. Spiccava la corona di fiori dell’As Roma, la squadra del cuore di Giulio Andreotti, uno degli omaggi floreali collocato più vicino al feretro del senatore a vita durante le esequie. C’erano inoltre le corone inviate dalla Corte Costituzionale, dal sindaco Alemanno, dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e dal Consiglio Superiore della Magistratura. La moglie Livia ha fatto comporre un cuscino di rose bianche. La tumulazione avverrà nel cimitero romano del Verano.