Sondaggio: il centrodestra in vantaggio alla Camera e al Senato. Ecco perché la sinistra trema…

In caso di nuove elezioni vincerebbe il centrodestra sia alla Camera che al Senato. È quanto emerge dal monitori politico di Tecné per SkyTg24. Il sorpasso definitivo e netto era nell’aria, già si vociferava da giorni, si parlava appunto di sondaggi che non lasciavano dubbi. Ora si ha la conferma e questo fa capire il perché dell’atteggiamento di chiusura di Bersani sul quale, tra l’altro, c’è lo scetticismo degli italiani. La coalizione guidata Silvio Berlusconi conquista il 31,3 per cento dei consensi, guadagnando così il 2,1% in più rispetto al risultato di febbraio. Di contro, il centrosinistra scende al 29,3% indietreggiando dello 0,2. Passando ai singoli partiti, c’è un’altra conferma: il Pdl raggiunge il 24,7% facendo un balzo in avanti di ben 3,1 punti, mentre il Pd si attesta al 26% con un lieve aumento pari allo 0,6%.  Cresce anche Grillo passando al 26,2% (+0,6) ma in misura assai minore, a scapito sia di Sel che dei centristi e di altre forze minori. La Lega scende al 3,8% perdendo lo 0,3. Fratelli d’Italia si attesta all’1,7% mentre La Destra perde lo 0,2%.  L’area Monti si ferma al 9,4 perdendo 1,2 con Fli sceso allo 0,3 e l’Udc al 2%. Rivoluzione civile di Ingroia tocca il fondo dell’1,4% (-0,9). Analoga situazione al Senato col centrodestra al 32,2 (+1,5) e  il centrosinistra al 31,4 (-0,2). A Palazzo Madama il Pdl si attesterebbe al 25,3% registrato un balzo in avanti di ben tre punti e il centrodestra raggiunge il 32,2% sorpassando tutti. Il Pd al 28,1 (+0,7). Grillo aumenta lievemente  col 24,5%(+0.7). Guardando poi a un eventuale governo guidato da Bersani, quasi sei italiani su dieci ritengono che non potrà affrontare le questioni più urgenti del Paese.