Sondaggio choc: crollano i consensi per Grillo, crescono Pd e Pdl. Per il 60% Bersani non ce la farà

Le strategie grilline del “no” a oltranza e delle offese a tutti, per il momento, non paga nei sondaggi, Pur restando primo partito, il Movimento 5 Stelle perde consensi, scendendo di 3 punti (-3,1%) rispetto alla settimana scorsa nelle intenzioni di voto e attestandosi al 26,9 percento. Segue a breve distanza il Pd (26,4%), che ne guadagna più di uno (+1,3%). In salita anche il Pdl (+0,9%), al terzo posto con il 24,2 percento, mentre perde quasi mezzo punto (-0,4%) Scelta civica, al 7,9 percento.  È quanto emerge da un sondaggio realizzato dall’Istituto Swg in esclusiva per Agorà, su Rai Tre. Pressoché stabile la Lega Nord (-0,1%), al 3,7 percento, guadagna invece quasi mezzo punto (+0,4%) Sel, al 2,4 percento. Resta invariato il risultato dell’Udc, all’1,6 percento.  Rispetto ai singoli eventi politici, metà degli italiani (50%) condivide la presa di posizione dei parlamentari “dissidenti” del Movimento 5 Stelle che, contro il parere del proprio leader Beppe Grillo, hanno votato Pietro Grasso alla presidenza del Senato. E, a proposito del tentativo Bersani, ben il 60% pensa che non otterrà la fiducia. Infine, addirittura due italiani su tre si dice insoddisfatto della condizione economica. Ma questo era abbastanza scontato…