Omofobia? Da Crosetto e Meloni scuse e ironia. E GayLib aderisce a Fratelli d’Italia

Una bischerata di pessimo gusto che non è andata giù a Giorgia Meloni e a Guido Crosetto. Il giorno dopo la diffusione on line del video-parodia della coppia gay del festival di Sanremo “confezionato” da due esponenti padovani di Fratelli d’Italia, i fondatori del movimento affidano a un contro-video la durissima presa di distanza dall’iniziativa. Già espressa a caldo con parole di pietra. «Nella scelta di fondare Fratelli d’Italia ho messo in conto di non essere eletto, di rischiare tutto, di avere mille nemici da affrontare. Ma l’ho fatto per mantenere la dignità. E non la voglio perdere per colpa di un cretino», aveva detto Crosetto nel mezzo della bufera mediatica. «Chiedo scusa a nome di Fratelli d’Italia per il video di pessimo gusto, realizzato in maniera autonoma da alcuni esponenti padovani e solidarizzo con le persone e le associazioni che si sono sentite offese», aveva detto la Meloni chiedendo agli autori di rimuoverlo. Il video, sparito dalla rete dopo qualche ore, faceva il verso in modo greve all’esibizione sanremese di Federico e Stefano. Poi, di fronte all’escalation di polemiche, il “gigante e la bambina” hanno fatto di più. Si sono improvvisati attori per un breve filmato su youtube (che riproduciamo) nel quale, parafrasando il video incriminato, appaiono muniti di cartelli che alzano uno alla volta sulle note di Charlie Chaplin.

«Chiediamo scusa per quel video offensivo, che non ci rappresenta, né rappresenta Fratelli d’Italia, per noi la politica, è impegno civile, per noi la politica, è dignità e rispetto», si legge nei primi cartelli. E ancora: «Da mesi parliamo di famiglie e giovani, e non interessa a nessuno. Di impignorabilità della prima casa, e non interessa a nessuno, di imprese e tasse, e non interessa a nessuno, di banche e di Equitalia, e non interessa a nessuno, ma se dei cretini fanno un video idiota, diventiamo la notizia del giorno, tutti parlano di noi, tutta la stampa ci cerca». Finale: «Chiediamo a tutti voi di votare, con la testa e con il cuore, non importa per chi, l’importante è che votiate, se poi volete sapere, per chi voteremo noi, Fratelli d’Italia, il centrodestra a testa alta». Un appello che è piaciuto al segretario nazionale di GayLib, Enrico Oliari, che segue con interesse FdI fin dalla nascita. «Mi riconosco nel programma e nelle tematiche che Giorgia Meloni, Guido Crosetto e Ignazio La Russa stanno portando avanti per rinnovare il centrodestra – ha spiegato alle agenzie – avrei atteso le elezioni per annunciare questa mia decisione, ma ho ritenuto opportuno farlo oggi dopo la dura posizione tenuta da Meloni e Crosetto rispetto al patetico video di Zanon e Pedrina (i due esponenti padovani di FdI, ndr). Conosco Giorgia: nella sua visione del mondo e della politica non c’è mai stato spazio per l’omofobia. L’idiozia dei singoli non comprometterà un progetto così importante».

Ecco il video:

http://www.youtube.com/watch?v=Q5F6JIlo4OY