Fini contro Storace e Fratelli d’Italia. La replica: lui aiuta la sinistra

Intervistato dal Tg di T9 Gianfranco Fini lancia strali contro gli ex An, criticando in particolare Francesco Storace, Gianni Alemanno e Fratelli d’Italia. Su Storace dice che è già stato bocciato dagli elettori dunque “non ha ben governato”. Su Alemanno afferma che è “rimasto prigioniero delle logiche interne al Pdl”. Infine, su Fratelli d’Italia, dice che il loro motto è “vorrei ma non posso”. “Sono usciti dal Pdl, dicono di volere la legalità, la giustizia sociale, di amare l’Italia. Ne sarei felice. Poi fanno parte di una coalizione che è guidata ancora da Berlusconi”. Insomma: “Tanto rumore per nulla”.

Storace ha subito replicato, ricordando che all’epoca della sua sconfitta alle regionali “Fini sembrava dispiaciuto, evidentemente mentiva anche allora. Farebbe prima a chiedere alla sua candidata (Giulia Bongiorno, ndr) se con me la giustizia ha fatto il suo giusto corso”. Per Fratelli d’Italia a Fini ha risposto Massimo Corsaro: “A differenza sua noi crediamo che il primo avversario sia la sinistra. A lui non dà fastidio aiutare la sinistra, per noi è improponibile”. Anche Gianni Alemanno ha ribattuto alle affermazioni del leader di Fli: “Non credo che Fini sia il miglior giudice per stabilire chi ha coraggio né per valutare la situazione di Roma. Io sono soddisfatto del mio operato perché il coraggio l’ho dimostrato continuando a lottare per difendere la città di Roma, nonostante i tagli insostenibili e i vincoli del Patto di Stabilità imposti dal Governo”.