“Avanti popolo”, a Sanremo mancava solo Carla Bruni. Macché, sarà l’ospite d’onore anti-Cav

Gli ingredienti di un Festival di Sanremo targato centrosinistra con incursioni spinte nell’antiberlusconismo ci sono tutti, ora che anche i rumors di una comparsata dell’ex premiere dame, Carla Bruni, hanno preso corpo. Sul palco dell’Ariston dovrebbe tornare la consorte di Sarkozy, secondo la notizia riportata da Gente. Forte di una conoscenza personale con l’ex inquilina dell’Eliseo, Fabio Fazio sarebbe riuscito a convincere Carla, che presenterà in anteprima un paio di brani tratti dal suo nuovo album Little French Songs, il quarto della sua carriera cantautorale, in uscita il prossimo aprile. Così, con un conduttore, Fazio Fazio, custode doc di ortodossia progressista, una Luciana Littizzetto più popolare che mai dopo il “vaffanculo” in diretta tv  all’indirizzo del leader del centrodestra, e con una nidiata di cantanti in gara molto contigui alla cultura dei centri sociali, ora si aggiunge la ciliegina sulla torna. Una Carla Bruni che già si mise in luce con giudizi esageratamente di parte, quando si dichiarò felice di non avere la cittadinanza italiana, solo per accodarsi al coro di chi bacchettò la battuta di Berlusconi sull’Obama “abbronzato”. Una che non può soffrire il Cav neanche per cartolina, visto che nemmeno in un’occasione ufficiale come il G8 del maggio 2011 evitò di fare una brutta figura, baciando tutti i leader tranne Berlusconi. Senza dimenticare l’ex presidente suo marito, che ancora ricordiamo sghignazzante nei confronti del leader del Pdl con la compagna di merende europea Angela Merkel. La ricordiamo, poi, pochi giorni fa, quando ha dichiarato che se fosse in Italia voterebbe Monti. Con un cast così, il Festival di Sanremo non potrebbe essere in mani più “sicure”… Anche se poi, la Bruni e Sarkozy hanno ben poco da ridere, visto come sono stati cacciati dagli elettori. L’importante è che Carlà non faccia piangere i telespettatori. Per come canterà.