Una donna incinta e baci etero. Ma Vendola non s’indigna per gli spot del Pd?

Niente da dire, i nuovi spot del Pd escono al momento giusto, pare che i guru del Pd abbiano pensato più all’imminente San Valentino che alle elezioni: i baci sotto la pioggia, la coppia di ragazzi dal futuro incerto, la donna incinta, il papà in ansia, il parto, il neonato sorridente. Tutto banalmente ovvio nella sua scontata linearità. Se non fosse che il principale alleato del Pd è un signore che si chiama Nichi Vendola e che quegli spot, potendo, li avrebbe rovesciati come un calzino. Provate a immaginare. Un uomo e un uomo si baciano davanti a tutti mentre si scambiano gli anelli a suggello del matrimonio gay, intanto una donna incinta soffre per le doglie, accanto a lei c’è un mammo, la compagna, che amorevolmente l’assiste durante il parto, magari in quel momento due papà che hanno adottato un bimbo rientrano a casa e gli preparano la pappina. Nell’universo politico di Nichi ci sono baci, bimbi e coppie incrociate, libere, senza schemi, nel segno dei diritti civili equiparati tra etero e omosessuali, come in Spagna, come in Svezia, come in altri paesi del mondo. E non c’è nulla di male. Ma non funziona così in Italia, dove c’è un partito, il Pd, alleato con Vendola, che punta sulla famiglia tradizionale, nicchia sulle coppie di fatto, di quelle gay non vuol sentire parlare, guai poi se si chiede alla sua anima cattolica di trattare sulle famiglie non ortodosse. Un partito che però, nonostante tutto, con Vendola vuole andarci a govermare e fa dei bellissimi spot sui quali, se il leader di Sel avesse un po’ di sadismo in più, aprirebbe una crisi politica pre-elettorale. E imporrebbe a Bersani di inserire in quei video, per coerenza, anche il suo modello di società liberal e omosex, rispettabilissimo. Ma che nel centrosinistra non trova troppi estimatori.

 

I video del pd tratti dal sito ufficiale

http://www.partitodemocratico.it/doc/249698/il-bacio-il-parto.htm