Alemanno: «Mi ricandido senza paracadute». E inaugura un asilo nido a Castelverde di Roma

«Come promesso, non mi sono candidato al Parlamento. Senza paracadute mi ricandido a sindaco per aiutare Roma ad uscire dalla crisi». Gianni Alemanno, sul suo profilo twitter, sottolinea la scelta di continuare il suo impegno esclusivo per la Capitale. Un impegno che ha visto un profondo cambiamento rispetto al passato, in primis nel recupero delle periferie. Parlano i fatti:  c’è stato il battesimo dell’ennesima struttura, con l’inaugurazione di un nuovo asilo nido comunale nel quartiere di Castelverde, nella zona Est di Roma. La struttura ospita per il momento 57 bambini fino ai tre anni e ha una capienza massima di 70. La nuovissima struttura di largo Rotello è stata finanziata con un investimento di un milione e 400mila euro. L’inaugurazione è avvenuta alla presenza dello stesso Alemanno, dell’assessore alla Famiglia, Gianluigi De Palo, l’assessore ai Lavori pubblici e periferie Fabrizio Ghera, del consigliere comunale del Pdl e presidente della commissione urbanistica Marco Di Cosimo e del presidente del Municipio, Massimiliano Lorenzotti. Subito dopo è stato inaugurato anche l’istituto scolastico comprensivo: la scuola elementare è stata aperta il 12 novembre 2012, è costata circa sei milioni e  ospita 958 bambini dai 6 ai 10 anni. «Sono felice perché si tratta di due inaugurazioni importantissime per questo quartiere di Roma Est. Strutture bellissime – ha detto Alemanno – che abbiamo completato con grandissimo sforzo: questi sono i segnali di cui ha bisogno la periferia romana». De Palo, dal canto suo, ha puntualizzato che l’amministrazione comunale «ha  «investito e continueremo a farlo nelle politiche educative di Roma, perché crediamo fortemente che non siano un costo, ma piuttosto un investimento. Il nido è uno dei “gioielli” che abbiamo fortemente voluto e si inserisce nell’ambito della nuova centralità urbana a est di Roma, in gran parte abituata da coppie giovani con figli piccoli». Di Cosimo, da sempre in prima linea per il risanamento e per il recupero delle periferie, ha spiegato che «in questo versante dell’VIII Municipio è mancata la giusta programmazione urbabistica. Nonostante stiamo recuperando il gap iniziale, ancora oggi stiamo infatti pagando le scelte delle precedenti amministrazioni guidate da Rutelli e Veltroni. Le due strutture inaugurate risolvono in parte  i problemi dell’edilizia scolastica in quel territorio. In quest’ottica  sono in fase di apertura altre due scuole materne e sono già iniziati o stanno per iniziare i lavori per la costruzione di altri quattro  plessi scolastici nello stesso quadrante».