Liguori: “per la rivoluzione liberale vent’anni non bastano”

«Non è stato tempo sprecato». Paolo Liguori, direttore di New Media di Mediaset, scrittore e polemista, non reputa i vent’anni di centrodestra italiano come una sfilza di occasioni mancate. Ragion per cui, proustianamente,  pensa che ragionare sul passato sia necessario non solo per valutare al meglio il proprio percorso ma anche per “scoprire” le occasioni che anche la stessa esperienza del governo Monti può portare.

Liguori, lei dice che il centrodestra non ha perso tempo. Perché?

Ha speso vent’anni  per riconoscersi, per esistere.

Leggi l’articolo in versione integrale sul Domenicale del 18 novembre