Il Duce a scuola

Un ritratto di Mussolini vestito da antico romano, a cavallo di un destriero bianco, e con la spada in mano, è stato restaurato e ricollocato nell’Aula magna della scuola per il quale era stato realizzato nel 1937, l’Istituto tecnico Umberto I di Ascoli Piceno. Una scelta che ha suscitato polemiche e proteste in città, con l’Anpi che si dice allarmata perché il dipinto del pittore Aldo Castelli (1900-1965) torna in un istituto scolastico. Di parere opposto il preside dell’Itc, il prof. Arturo Verna. «Si tratta di un fatto artistico e culturale – ha detto – e un’opera è tornata nel luogo per il quale era stata realizzata». La tavola, divisa in due parti, misura 2,20 metri per 1,50. Rappresenta un vecchio e un giovane, mentre in alto si vede un condottiero a cavallo con una folta capigliatura e la spada in mano, ritratto idealizzato di Benito Mussolini. «Non siamo in presenza di un ritratto di Mussolini – dice ancora Verna – ma di una allegoria del Duce o meglio ancora di un’allegoria della riforma della scuola che il Fascismo voleva».