Altro che svolta, il Pd in festa sceglie un comodo cerchiobottismo

Nichi Vendola su La Stampa di ieri: «Prima c’era una rappresentazione dell’equidistanza, come se io e Casini fossimo il peso e il contrappeso che teneva in equilibrio l’asse del Pd. Ora Bersani rovescia questo schema e dice che Sel e Pd stanno ridefinendo un programma e una speranza collettiva. Non credo sia una mossa tattica».
Pierferdinando Casini al Messaggero: «Noi e il Pd facciamo una gara diversa. Alle prossime elezioni si confronteranno tre aree: la sinistra, la destra e l’area moderata, che noi siamo impegnati a organizzare. Molti si sono meravigliati che Bersani abbia detto di preferirmi Vendola. Ma è naturale che sia così».

Leggi l’articolo in versione integrale sul Secolo d’Italia del 30 agosto