Due popoli, due stati: Obama “rivoluziona” il pensiero…

Due popoli, due stati. Sei mesi dopo l’inizio della primavera araba il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama si è presentato di fronte ai microfoni e ha pronunciato un discorso che potrebbe ridefinire il futuro politico del Medio Oriente. Quaranta minuti in tutto. Ma le sue possono segnare una svolta epocale nella politica estera statunitense. «Lo status quo tra israeliani e palestinesi – ha sostenuto il presidente Usa – non è più sostenibile». Quindi il diritto degli ebrei «alla  sicurezza» e la constatazione che «i palestinesi non raggiungeranno mai la loro indipendenza negando a Israele il diritto a esistere». Per questo «è tempo  che vi siano due Stati per due popoli, capaci di vivere uno di fianco all’altro, in pace e sicurezza, e che i negoziati riprendano».

Leggi l’articolo sul Secolo del 21 maggio